+39 0733 865 224 spea@speaweb.it Via Campomaggio n° 114 - 62010 Morrovalle (MC)
Professionalità
Progettazioni, qualificazione ed applicazioni
Soluzioni
Case in legno
Chiedi Informazioni

Interventi Strutturali Evoluti

Deumidificazione termica e strutturale

TIPOLOGIE DI RECUPERO

RISANAMENTO DI MURATURE UMIDE IN LOCALI SEMINTERRATI CON INCREMENTO DELLA CAPACITA’ TERMOISOLANTI E DI ASSORBIMENTO ACUSTICO : MURATURE IN MATTONI PIETRA O MISTE

sanageb

warme-link

SCOPO : Incrementare l’evaporazione mediante l’estrazione dell’umidità dalle murature, evitando contemporaneamente l’assorbimento di acqua liquida.
Formulato Intonaco termoisolante (termico-minerale), traspirante, deumidificante, realizzato con specifico formulato a base di calce idraulica, inerte botticino, caolino, caseina calcica, sale di Vichy, carbonato di calcio, acido tartarico, sali di ammonio, perlite espansa, farine di sughero e fibre naturali.

CICLO FINALE

Predisposizione di un adeguato rinzaffo di aggrappo “traspirante”, mediante applicazione a frattazzo (sprizzo), dello specifico composto adesivo, deumidificante, bioedile, UNTERSANA, per un consumo di circa 5 kg/m². La superficie del rinzaffo dovrà essere il più scabrosa e irregolare possibile, per permettere un’adesione ottimale dello strato di intonaco. Applicare il successivo rinzaffo deumidificante entro minimo 24 ore e massimo 72 ore (a 20°C); in questo intervallo temporale il rinzaffo esprime le massime prestazioni in termini di adesività a favore degli strati successivi

PREDISPOSIZIONE DELLE FASCE DI SPESSORE

Sulla superficie rinzaffata predisporre in bolla le fasce di spessore, utilizzando l’intonaco termocoibente SANAWARME , che costituirà in seguito lo spessore vero e proprio del cappotto minerale. Predisporre inoltre i paraspigoli in acciaio inossidabile, fissandoli con la malta rapida SANAFIRM , a base di calce idraulica e alluminati
APPLICAZIONE: realizzazione dell’Intonaco termocoibente e FINITURA

Dopo circa 24 ore dall’applicazione del rinzaffo UNTERSANA, dopo aver bagnato a rifiuto con acqua la superficie da intonacare, applicare a spruzzo l’intonaco SANAWARME, per un consumo di circa 6 kg/m²/cm.
Ogni strato di prodotto spruzzato non dovrà superare lo spessore di 1,5-2 cm, ed ogni strato successivo dovrà essere applicato ad avvenuto indurimento di quello precedente (dalle 24 alle 48 ore di distanza) e dopo aver bagnato a rifiuto con acqua le superfici da intonacare.
Prima del completo indurimento di SANAWARME irruvidire la superficie con lo specifico attrezzo dentato (Rabot), uniformandola, con un frattazzo, al fine di eliminare totalmente la polvere prodotta con l’irruvidimento.
Per spessori di intonaco superiori a 4-5 cm predisporre, nella mezzeria dello spessore previsto, una rete elettrosaldata zincata (per esempio: filo 2 mm, maglia 5 x 5 cm), fissata con tasselli alla muratura o una rete strutturale in fibra di vetro, di prestazioni equivalenti
Realizzazione dello strato di finitura, mediante applicazione, a frattazzo, dello specifico intonachino rasante, traspirante, bioedile, SANASTOF, a base di calce idraulica, per un consumo indicativo di 3-4 kg/m². Attendere almeno 21 giorni per l’applicazione delle pitture

UMIDITA’ DI PERMEAZIONE DEI MATERIALI

ASSORBIMENTO CAPILLARE (TIPI DI TERRENO)

L’APPLICAZIONE

Il fenomeno dell’assorbimento e’ inversamente proporzionale all’ampiezza delle cavità porosa

La preparazione del supporto inizia con la rimozione dell’intonaco degradato, sino al soffitto o sino a 30 cm oltre il livello del terreno esterno, adiacente alla muratura da risanare. Pulizia dei supporti risultanti, ivi compresa la rimozione delle incrostazioni, delle eventuali efflorescenze saline, e se necessario applicare a spruzzo specifico inibitore della motilità salina, incolore, SANAREG, con un’accurata depolverizzazione

PRESENZA DI UMIDITA’ SOTTO IL LIVELLO DEL TERRENO

Realizzazione di barriera impermeabile, mediante applicazione a cazzuola del composto bicomponente, ad azione osmotica, resistente in controspinta, OSMOCEM D, per un consumo pari a circa 10 kg/m² (5 mm di spessore). La superficie finita dovrà risultare il più “chiusa” possibile. Per raggiungere lo scopo, è possibile aiutarsi anche con una mano passata a  pennello a setole lunghe.  prima che il composto osmotico abbia completato la presa. Applicare il successivo rinzaffo deumidificante entro massimo 48 ore (a 20°C).